Nel post match contro il Palermo le parole di mister Roberto Taurino. La sfida contro i rosanero è terminata con una vittoria di misura che consente alla Viterbese di allontanarsi ancora dalla zona play-out nel girone C. Prossima sfida in programma mercoledì sul terreno di gioco della Paganese.

Mister, tre punti insperati alla vigilia ma strameritati oggi in campo…

“Insperati no. Noi ci abbiamo creduto, ci siamo allenati per vincere questa partita. Sapevamo di certo che sarebbe stato difficile contro una squadra forte ma  in cuor nostro credevamo di poter fare questo tipo di prestazione. Devo dire che sono anche molto arrabbiato per gli ultimi dieci minuti perché abbiamo dimostrato un pizzico di immaturità, abbiamo tenuto in bilico una partita che potevamo chiudere molto prima e gestire meglio. Abbiamo fatto errori che non avevamo fatto negli 80 minuti precedenti, abbiamo perso due o tre palle in modo banale, con passaggi fatti con superficialità, e questo mi ha fatto molto arrabbiare. Domani ne parleremo coi ragazzi perché se vogliamo fare altri step in avanti, se vogliamo crescere e toglierci altre soddisfazioni, soprattutto ora che i punti pesano di più, dobbiamo essere lucidi nel gestire le situazioni”.

Oggi si conferma il fatto che questa squadra, soprattutto in casa, è difficile che prenda gol ma anche che non si chiudono le partite…

“Sul finale continuavo a sgolarmi perché bastava giocare più in ampiezza. Ma ci siamo ostinati un po’ a cercare il gol, un po’ eravamo convinti di poter fare la giocata individuale. Ma quando hai l’uomo in più bisogna sfruttare la superiorità numerica, basta muovere la palla con velocità e qualcuno libero ci sarà sempre, se ci si muove bene. In questo siamo mancati e mi dispiace perché questa era una partita che, per come la avevamo preparata e affrontata, potevamo chiudere prima del 90’, indipendentemente dal rigore sbagliato che ci può stare”.

Come si tiene alta la concentrazione dopo aver sconfitto il Palermo?

Basta vedere gli ultimi risultati della Paganese per capire che partita ci aspetterà mercoledì. Se non vogliamo incappare in brutte sorprese dobbiamo subito calarci in quella che sarà la partita. È normale e giusto che dopo una vittoria si festeggi, ma l’importante è che da domani mattina quando torneremo qui ad allenarci l’unico pensiero sarà la Paganese. Loro hanno trovato anima, forza, qualità e con l’avvento de nuovo allenatore hanno invertito il trend e, soprattutto in casa, stanno facendo il risultato con tutti. Mercoledì ci aspetta una battaglia sportiva vera e propria, ci dobbiamo preparare soprattutto mentalmente cercando anche di ovviare a qualche assenza. Non ci saranno Bensaja, Baschirotto e Tounkara squalificati e forse Palermo”.

Ufficio Stampa
U.S. Viterbese 1908